Tagged: THE TRUTH ABOUT POP RUBRICA Toggle Comment Threads | Keyboard Shortcuts

  • gingerpresident 4:58 am on March 16, 2014 Permalink | Reply
    Tags: , , , ARTE LADY GAGA, ARTE VS LADY GAGA, , AUSTIN, , DO WHAT U WANT, , , LADY GAGA 2014 PICS, LADY GAGA ART, , , LADY GAGA ARTPOP FAN ART, LADY GAGA ARTPOP PROMO, , , LADY GAGA DISCOGRAPHY, LADY GAGA JUST DANCE, LADY GAGA SXSW FESTIVAL, , , , LUCIO FONTANA, PAWS UP, PERSONAGGIO, , , , PROMO, SPEECH, STEFANI GERMANOTTA, TELA SQUARCIATA, TELA SQUARCIATA LUCIO FONTANA, , THE TRUTH ABOUT POP RUBRICA, VENUS   

    THE TRUTH ABOUT POP [N.3] : LA VERITA’ DIETRO IL CONCETTO DI “ARTPOP” DI LADY GAGA (CHE SI è FATTA VOMITARE ADDOSSO IN UN CONCERTO) 

    the-truth-about-love

     

    In “THE TRUTH ABOUT POP” uno sguardo CRUDO attraverso le novità più fresche del pop world più di rilievo. Nuovi video che fanno discutere, testi di canzoni dubbi, successi inspiegabili ed insuccessi inspiegabili, flop annunciati e flop veritieri e flop che non dovrebbero essere flop. La colonna dove esprimerò, SENZA CENSURA, il mio punto di vista.

     

    Lady Gaga può piacere o non piacere , ma è sicuramente la più grande popstar ( nuova leva ) dell’ultima decade.

    Ha debuttato nel 2008 con un brano dance dal gustro retrò , “Just Dance” , e un album in linea con quel brano , “The Fame” , e ( assieme alla sua ristampa “The Fame Monster” – 8 brani in più -) ha venduto oltre 15 milioni di copie nel mondo. Già da allora tutti avevamo capito che eravamo di fronte ad una nuova popstar che avrebbe lasciato il segno. E non si parla di un segno lasciato dal “solo” numero di dischi venduti , ma dall’ “Aura” ( tra l’altro titolo di uno dei suoi ultimi brani ) che le sta attorno , da tutto il suo background. Abiti, modo di parlare, testi e modo di scrivere, sound, produzione , lotta per i diritti umani. Tutto.

    Nel Novembre 2013 , dopo oltre due anni dal secondo disco ( “Born This Way” , oltre 6.5 milioni di copie vendute ) , esce “ARTPOP” , probabilmente l’album più atteso e chiacchierato del 2013. Il FATTACCIO – GAGA.

    LADYGAGA-ARTPOP

    Il disco nasce e arriva già pieno di pregiudizi . Una cantante del suo calibro e del suo estro , della sua peculiarità , “che cosa potrà mai ancora inventarsi?”. Sin da subito i critici e molti ex ammiratori della cantante hanno iniziato a chiedersi se non stesse perdendo colpi ( parte del Born this Way Ball tour è stata cancellata per problemi fisici in seguito a un infortunio  e la stessa uscita di ARTPOP è slittata di qualche mese , sempre per problemi vari) . Essi si sono anche chiesti se questo titolo autocelebrativo e autoreferente “ARTPOP” ( gioco di parole con POP ART ) non fosse una sfida un po’ troppo rischiosa per un’artista che , dopo tutto, è nell’Olimpo della pop music da “soli” 5 anni. Per altri , invece, le domande sono state affermazioni : “Lady Gaga chi si crede di essere?” – “Lady Gaga fa canzonette e pretende di fare ARTE?”.

    Insomma , “ARTPOP” ha portato con sé un mare di polemiche che certo non sono terminate alla sua uscita. Il disco arriva comunque al #1 nei principali market mondiali ( UK, USA ecc ) e in 4 mesi dalla sua uscita ha comunque superato le 2,3 milioni di copie vendute ( che sono un GRAN NUMERO per la discografia moderna ) ; ma per le principali testate e la gente che la seguiva o gli haters il disco è stato comunque etichettato come  FLOP.

    Senza andare ad addentrarsi nell’analisi delle sue vendite discografiche, dei singoli e di cazzi e mazzi , parliamo di “ARTPOP” e di cosa , veramente, Lady Gaga volesse dirci con questo disco.

    La selezione di pezzi scelti per la sua composizione è decisamente audace , variegata , dal sound millimetricamente curato e con testi degni di questo nome , ma la promozione è stata alquanto una merda. Il fatto di aver avuto numerosi problemi ( anche ) in questo frangente di certo non ha aiutato le polemiche continue sulla fattura e il tema centrale dell’album , e soprattutto sul valore di questo neologismo Gaghiano ( ARTPOP , appunto ). Gaga, vero nome Stefani Germanotta, tanto per annoverarne un paio, ha annunciato video che non si sono mai visti de striscio ( “Venus” , “Do What U Want” … ALMENO…Entrambi saltati ) e al recentissimo “SXSW Festival” ad Austin SI è anche FATTA VOMITARE ADDOSSO in una performance art , cosi definita da lei (sia in tono serio che , più tardi, autoironico). I video saltano perché l’etichetta discografica dà troppo poco tempo per la loro realizzazione e Gaga non intende forzare la sua creatività e preferisce annullarli e si fa vomitare addosso perché ogni atto spontaneo o di pura ribellione è da applaudire e da ricercare ; nella fattispecie il vomito è un vomitare rabbia , sentimenti contrastanti ,  libertà.

    Questa è Lady Gaga. Una perfezionista un po’ fatta che preferisce vendere meno copie non realizzando videoclip ( che si sa quanto alzino le vendite dei singoli e dei dischi ) e che , invece, nei Festival si scatena come una pazza scatenata , sporca di vomito semi-glitter di protesta contro l’ INDUSTRIA POP MUSIC , e chiede alla gente di fare meno foto/meno video coi propri cellulari e di godersi di più il momento , che quando saranno morti a nessuno importerà di cos’hanno twittato , ma cosa ricorderanno , l’emozione della musica e di un evento a cui hanno partecipato , le persone che hanno amato o che hanno avuto al loro fianco in quel momento.

    “ARTPOP” , come recita la title track , “could mean anything” potrebbe non essere nulla nella mente di chi non ha una sua idea di arte personale e non ricavata dal sapere comune , una propria personalità o , semplicemente, le facoltà per apprezzare un atto libero ed anche anti-democratico ; ma più di tutti è la celebrazione della creatività intesa essa stessa come “ARTE” , a prescindere dal fatto che il risultato sia percepito come artistico o cagata epica.

    “ARTPOP” (il concetto , più che l’album in sè ) è la versione musicale della famigerata “tela squarciata” di Lucio Fontana : chi và al di là dello squarcio fisico sulla tela arriva a pensare a tutto quello che ci può/potrebbe essere alla base del concetto che ha spinto l’artista a consegnare un quadro del genere e definirlo ARTE . Nello stesso modo l’ascoltatore di Lady Gaga , non solo delle sue canzoni ma anche dei suoi speech pubblici nelle interviste o fra un pezzo e l’altro nei suoi concerti , prende questo set di 15 pezzi ( notevoli ) e li fa propri cercando di risalire alla loro vera essenza.

    Chi vuole farlo può sicuramente cogliere il fascino di questo squarcio nella pop music , chi non è ben disposto continuerà ad osservare Lady Gaga e la sua ARTPOP come un macellaio osserva un obeso drogato di anfetamine che gli punta una pistola in faccia e pretende tutti gli affettati del suo negozio.

    Io sono tra i fan degli squarci della vita , dei momenti di rottura, delle cesure , dei tentativi di uscire dal classico e osare. Che sia atto di “personaggio inventato” , atto completamente spontaneo , arte del niente o una vomitata metaforica , il plauso per me va allo spirito di creazione e allo sforzo d’individualità , in un mondo dove è invece la POP ART , delle figure in serie e del copiarsi a vicenda , a regnare indisturbata.

    PS: SAPPIATE CHE IL 22 MARZO USCIRA’ IL SUO NUOVO , ATTESISSIMO, VIDEOCLIP. FINALMENTE.

    Ora datemi la vostra opinione

    —————————————————————————————————————————-
    STA PER DEBUTTARE UN NUOVO PROGRAMMA SUL WEB …
    T'ASK LOGO
     PER NON PERDERTI LA PRIMA PUNTATA E GLI AGGIORNAMENTI:

    Yours,

    Ginger ❤

     
     
  • gingerpresident 6:36 pm on February 22, 2014 Permalink | Reply
    Tags: DARK HORSE, DARK HORSE KATY PERRY, KATY PERRY 2014, KATY PERRY DARK HORSE DISCUSSIONE, KATY PERRY DARK HORSE FORUM, KATY PERRY DARK HORSE THREAD, KATY PERRY DARK HORSE VIDEO, , , KATY PERRY REVIEWS, , MILEY CYRUS MEME, MILEY MEME, , , , , R'N'B JUNK, THE TRUTH ABOUT LOVEP, , THE TRUTH ABOUT POP RUBRICA, ,   

    THE TRUTH ABOUT POP [N.1] : IL VIDEO DI”DARK HORSE” DI KATY PERRY , LA SOTTILE LINEA FRA LA CAGATA PAZZESCA E LO SPASSOSO 

    the-truth-about-love

    NUOVA RUBRICA!

    In “THE TRUTH ABOUT POP” uno sguardo CRUDO attraverso le novità più fresche del pop world più di rilievo. Nuovi video che fanno discutere, testi di canzoni dubbi, successi inspiegabili ed insuccessi inspiegabili, flop annunciati e flop veritieri e flop che non dovrebbero essere flop. La colonna dove esprimerò, SENZA CENSURA, il mio punto di vista.

    NUOVA RUBRICA!

    Primo numero della nuova rubrica. Per celebrare una nascita cosa c’è di meglio che prendere una delle popstars più chiacchierate del pianeta come Katy Perry?

    L’occasione viene data dall’uscita del terzo video (terzo singolo) del suo ultimo lp (decisamente il suo album migliore) “PRISM”, che in 5 mesi ha venduto oltre 2 milioni di copie in tutto il mondo e si appresta a venderne ben altre.

    katyperryprism600

    Ma veniamo al dunque. “DARK HORSE”. Il nuovo video.

    Partendo dal presupposto che trovo Katy Perry un’artista simpatica e con delle buone qualità ( tranne quando si esibisce in “Unconditionally” o “I Kissed A Girl” perché sarei meglio io sotto la doccia dopo aver ricevuto un calcio nelle palle da mia madre e mia sorella assieme ) , ogni suo video non si può dire che non sia un piccolo evento. Non ricordo un solo video di Katy Perry che non ho realmente aspettato per vedere.

    Certo, non ti sconvolgono come potrebbero fare i video di Lady Gaga, ma sicuramente hanno una fattura e una storyline, un effetto visivo, che pochissime artiste ci regalano ( forse anche perché poche hanno i suoi soldi e l’appoggio totale dell’etichetta probabilmente ).

    E cosi, dopo un video ( “Unconditionally” ) che sembrava un rip off di “Wide Awake” con qualche scena rubata a “Goodbye” delle Spice Girls, la KATIUSCIA torna con un pezzo che non era assolutamente previsto che uscisse come signolo.

    A Settembre scorso vennero lanciati “Dark Horse” e “Walking on Air” ( quest’ultima è TOP ) che dovevano fungere da promo, ma la prima è andata cosi bene da aver battuto “Unconditionally” nelle vendite ancora prima di esser dichiarata singolo ufficiale ! Impossibile, quindi, non girare un video per portare avanti la promozione, che signora Katy Perry SA’ FARE.

    katy perry dark horse cleopatra makeup

    Che stoni, non stoni, o altro,  la ragazza lavora , è in ogni dove, se aprite il frigorifero probabile che vi troviate la Perry anche sui tappi dei sottaceti, e si sta comportando meglio di certe sue colleghe che stanno facendo una miriade di cazzate e sono terribilmente confusionarie ( chiaramente qui si incolpano loro ma si sa che si sta anche incolpando L’ETICHETTA) .

    “Dark Horse” inizia come inizierebbe un video fatto da Windows Movie Maker , più finto della colla per dentiere Algasiv , dove si capisce subito che l’Egitto sarà il tema. Katy Perry appare, poco dopo, in una sua versione TRASHISSIMA ( ma divertente , lei bellissima ) di Cleopatra ( KATYPATRA ) nelle classiche posizioni dei geroglifici che mi ricordano tanto “Walk Like an Egyptian” delle Bangles ( si , ho quasi 27 anni e io mi ricordo di questo pezzo , voi probabilmente NO ) ma vabbè, facile pensarci.

    Il tutto diventa ancora più finto quando si approda fra le sfingi e nel deserto dove , in un emisfero che sembra “California Gurls made in Egitto” la Perry sostituisce caramellone giganti e calippi con strane figure mitologiche ( a fine video c’è un cane con la faccina da uomo che vorrei tanto sapere CHE CAZZO MI RAPPRESENTA, ma dettagli ) e apre il secondo tema, interno , quello della “magia”.

    Ecco qui che il video entra nettamente nella sua parte più goliardica con Katy che sferra le sue solite faccine, boccacce per le quali forse l’adoro cosi tanto ( ebbene si) e ci si pone la domanda : ma quella furbacchiona ha fatto volutamente tutto cosi finto per creare una cosa autoironica o non c’aveva voglia de spende du spicci per farlo sembrare davvero un deserto reale?

    Solo i posteri ce lo diranno, ahimè!

    Il video finisce col sopracitato cane/uomo/sfinge che fa penzolare la sua lingua fuori dalla bocca , davanti alla Perry si può anche capire tale reazione ( e lo dice un gay eh! ) .

    Eccoci qui. Un altro video di Katy Perry è finito e cosa ti viene da pensare?

    -Aahah ma dai non è male

    (passano 10 secondi)

    -Si però dai, rispetto agli altri forse fa cagare

    (leggi qualche commento)

    -A ecco, si , “bel pezzo e video stupido” in effetti, ecco

    (altri commenti, e giungi al tuo PERCHÉ ESISTENZIALE)

    IL VIDEO è COSI TRASH DA ESSERE GENIALE NELLA SUA FINZIONE COSI SCONVOLGENTE ED è COSI COLORATO CHE METTE DI BUON UMORE.

    Ebbene si! Ma del resto questa è Katy Perry e non è caso è la popstar che ora vende di più. Perché? Sa di vendere generalmente musica commerciale, sa che potrebbe fare MOLTO di più ma quel che fa non è POCO , è semplicemente abbastanza per avere un 61 da Metacritic ed è tutto ciò che la gente comprerebbe perché non è troppo strana da spaventare né troppo indie o lamentosa (stile Lana del Rey, con tutto il rispetto!).

    Katy Perry è geniale perché è cosi trash da sapere di essere trash e di giocare sul suo trash.

    Nell’equazione della musica TRASH CONSAPEVOLE + TRASH + QUALCHE QUALITA’ = $$$.

    MMM

    E comunque, per chi se lo chiedesse, NO , non si è visto nessun “DARK HORSE” (cavallo nero per chi nel 2014 non ha ancora imparato qualche nozione d’inglese).  Magari spunterà fra le gambe di Miley Cyrus  nel suo prossimo video !

    PS2: KE$HA rivuole indietro i denti del video di “Crazy Kids” KatyPatra cara smack.

    E la vostra opinione? Ditemi!

    .

    ————————————————————————————————————————————————–

    MAI VISTA LA WEB COMEDY  “PALAZZO NUOVO 10124″ ? NO ? ALLORA è IL CASO DI RIMEDIARE.

    20190_4922513271559_1626995429_n
    PER CONOSCERE DI PIU AL PROPOSITO,ECCOVI I SITI:   

    http://www.facebook.com/PalazzoNuovo10124

    E,SE SI VA,AGGIUNGETEMI SU FB! / ADD ME ON MY FACEBOOK PUBLIC PAGE: http://www.facebook.com/pages/GINGER-PRESIDENT/328170316205
    Yours,
    Ginger ❤
     
c
Compose new post
j
Next post/Next comment
k
Previous post/Previous comment
r
Reply
e
Edit
o
Show/Hide comments
t
Go to top
l
Go to login
h
Show/Hide help
shift + esc
Cancel
%d bloggers like this: